14 Maggio 2018
I 5 posti più improbabili dove connettersi al WiFi
I 5 posti più improbabili dove connettersi al WiFi

Oggigiorno siamo così abituati ad essere online, a controllare i nostri account social in qualsiasi momento che una delle frasi più usate quando si entra in un locale è: qual è la password per collegarsi al WiFi?

Anche con l’introduzioni del roaming gratuito in Europa ci si sente in obbligo di risparmiare i giga del nostro piano telefonico e perciò la ricerca della connessione gratuita al WiFi continua.
 
Sulle piste da sci
 
Di cosa si ha bisogno quando si va a sciare? Sci, guanti, scarponi, tuta. No, dello smartphone! Molti di noi vogliono condividere le proprie foto in tempo reale e molte delle nostre mete sciistiche si sono adattate. Impianti sciistici in Piemonte, Valle d’Aosta, Trentino e Alto Adige forniscono una rete wireless su piste, rifugi e persino seggiovie! Però bisogna ricordarsi di fare un’assicurazione di viaggio prima di partire per le vacanze e non soltanto per le cadute sugli sci!
 
A bordo di una nave da crociera
 
Fino a qualche anno fa la connessione wireless sulle navi da crociera aveva prezzi esorbitanti per scoraggiare i passeggeri a connettersi tutti assieme e a fare crollare la connessione. Oggi il Wi-Fi non è più un’opzione e per molti crocieristi è uno dei fattori decisivi per scegliere con quale compagnia prenotare. Questo ha fatto sì che Royal Caribbean, da sempre compagnia innovativa, ha attrezzato le proprie navi con Voom, la connessione internet più veloce sui mari, sei volte più veloce di quelle delle altre compagnie di crociera.
Questo vuol dire che i passeggeri Royal possono non solo tenersi in contatto con i loro cari attraverso WhatsApp, ma fare invidiare i loro amici postando foto su Facebook e Instagram in tempo reale.
 
Sul Monte Everest
 
Ideale per un selfie estremo, il Monte Everest è il punto più alto del mondo dove trovare una connessione wireless. La compagnia telefonica nepalese NTA è la realizzatrice del progetto Everest Link con più di 200 Wi-Fi hotspots in più di 40 villaggi. Questo servizio non permette soltanto di divulgare le foto di paesaggi (letteralmente) mozzafiato ma permette alle comunità locali di avere accesso a consultazioni mediche via computer e di seguire corsi educativi a distanza. A quelle altezze, c’è solo da augurarsi che lo smartphone non smetta di funzionare!
 
Al cimitero
 
Vi siete chiesti cosa succederà ai nostri social media account una volta che passeremo a miglior vita? Gli abitanti di San José a Granada hanno un sistema wireless nel loro cimitero, ma non lo usano per aggiornare gli account dei loro cari defunti mentre cambiano i fiori sulle tombe, ma banalmente fu installato per consentire a dei ricercatori di portare a termine delle ricerche genealogiche. Una volta visto il nuovo film della Disney, Coco, che ha come tema il giorno dei Morti, c’è da chiedersi se non sia utile avere un mezzo di comunicazione con l’aldilà al passo coi tempi!
 
In spiaggia
 
Su molte spiagge è ormai possibile trovare il Wi-Fi, ma in Perù hanno adottato un sistema per cui il Wi-Fi funziona solo all’ombra. Questo sistema di sensori è stato realizzato con l’aiuto dell’Associazione Peruviana Contro il Cancro per incoraggiare i frequentatori delle spiagge ad alternare i momenti di esposizione al sole, all’ombra, in modo da ridurre i danni dei raggi ultravioletti con ottimi risultati. Non per essere cinici, ma non abbiamo bisogno dell’ombra per vedere lo schermo dei nostri telefonini o tablet? A tutti modi è un sistema ingegnoso che sembra funzionare e speriamo di vederlo presto in uso anche da noi.